Amedeo Modigliani: Livorno, Parigi e ritorno

Amedeo Modigliani: Livorno, Parigi e ritorno

bacci

a cura dell’Associazione Lavoratori Comunali, della Cooperativa Amaranta Service,
del Centro artistico Il Grattacielo, della Libreria Erasmo,
di Andrea Pellegrini e di Michele Crestacci

PROGETTO JAZZ MODIGLIANI
il tratto, l’Africa e perdersi
Sabato 22 marzo a Pisa, Teatro Lux – domenica 23 marzo, Fuoriporta – Carrara
Nel 130° anniversario della nascita di Amedeo Modigliani e nel 30° anniversario dello scherzo delle false teste livornesi l’Associazione The Thing, il Cinema Teatro Lux, nell’ambito delle manifestazioni del Jazz Appreciation Month livornese e in occasione della 3a Unesco International Jazz Day, con il Patrocinio di Unesco Italia, in collaborazione con Comune di Livorno, presentano il “Progetto Jazz
Modigliani: il tratto, l’Africa, il perdersi” due serate d’eccezione per celebrare l’arte del maestro livornese all’insegna della contaminazione tra forme artistiche diverse.
Due i concerti in programma de Il Quintetto di Livorno, formato da Tino Tracanna (nella foto) sax, Tony Cattano, trombone, Andrea Pellegrini, pianoforte, Nino Pellegrini, contrabbasso, Michele Vannucci, batteria: sabato 22 marzo a Pisa, Teatro Lux; domenica 23 marzo, Fuoriporta – Carrara. Dopo il CD “Progetto Macchiaioli” dedicato a Giovanni Fattori (2008, Nuovo Jazz Italiano – Studio Vinile), quindi, un altro progetto discografico del Quintetto di Livorno – a cura dello studio Il Poderino della Gioiosa di Casale Marittimo e di Erasmo Edizioni – ispirato a uno dei grandi toscani della pittura del ‘900: Amedeo Modigliani. Ijazzl CD, pubblicato a cura di Erasmo Edizioni di Livorno, sarà presentato a Livorno presso la Libreria Eramo di via degli Avvalorati il 23 Aprile 2014, Giornata Mondiale del Libro e del Diritto d’Autore.
Le composizioni di matrice jazzistica, di Andrea Pellegrini, sono scritte con approccio descrittivo, mettendo in relazione spunti musicali con tratti, masse, luci, suggestioni, o evocativo, per mettere in relazione la sensibilità del compositore con il quadro, come Modigliani con i soggetti dei quadri stessi “in un gioco di specchi in cui si perde di vista l’oggetto per sentire se stessi, soli con la propria emozione”. (info: Teatro Lux Pisa – tel. 050.550317 info@teatrolux.it)

____________________________________________

Nell’ambito dell’evento “Amedeo Modigliani: Livorno, Parigi e ritorno” si svolgeranno sabato 29 e domenica 30 marzo due iniziative: una alla Bottega del Caffè, l’altra al centro artistico il Grattacielo.

Di seguito gli eventi in programma:

Sabato 29 marzo
Itinerario Modigliani
DAL CAFFÈ BARDI ALLA BOTTEGA DEL CAFFÈ
andataVisita alLa casa natale dell’artista e trekking urbano nei luoghi di Modigliani. Alla Bottega del Caffè di viale Caprera, incontro con l’attore Michele Crestacci nei panni di Amedeo Modigliani

Sabato 29 marzo, nell’ambito di “Amedeo Modigliani: Livorno, Parigi e ritorno”, sarà possibile partecipare all’Itinerario Modigliani, nei luoghi di Amedeo Modigliani a Livorno, sua città natale.
Alle ore 17 è possibile visitare la casa di via Roma 38, dove Amedeo Modigliani è nato il 12 luglio 1884. In questa casa Modigliani ha vissuto un periodo felice con i parenti del padre che arrivavano da Roma, il nonno Isacco che veniva da Marsiglia e rimaneva a lungo, accompagnando il nipotino alla scoperta della città. A pochi metri dalla casa ha frequentato il Ginnasio Guerrazzi, adesso Niccolini Palli ed è andato a scuola di pittura dall’allievo di Fattori Guglielmo Micheli.
Alle ore 18 trekking urbano alla scoperta dei luoghi legati al grande artista livornese con soste di approfondimento in via Cambini dove una lapide segna la casa dove ha abitato il fratello, l’onorevole Giuseppe Emanuele Modigliani; il Liceo Classico dove Modigliani frequentò le prime due classi; in pazza Cavour dove sorgeva il famoso Caffè Bardi, ritrovo degli scapigliati livornesi; la sinagoga dove Amedeo prese il bar mitzvah; via Gherardi del Testa, dove Modigliani ebbe un laboratorio nel suo ultimo soggiorno a Livorno. Infine, arrivo alla Bottega del Caffè di viale Caprera, dove l’attore Michele Crestacci nei panni di Amedeo Modigliani, intercalerà la visita guidata con spunti e riflessioni, ma soprattutto interpreterà la sua passione e il suo amore per Modigliani.
L’Itinerario Modigliani è a cura della Cooperativa Amaranta Service.
Costi speciali in occasione dell’evento-omaggio a Amedeo Modigliani: la visita alla casa natale dell’artista è di 4 Euro a persona; il trekking urbano, 4 Euro a persona;
visita della casa e trekking urbano, 7 Euro a persona.

È necessaria la prenotazione. 320.8887044

_______________________________________________________________________

crestacciDomenica 30 marzo, ore 21.30
Al Centro artistico Il Grattacielo – Teatro di Livorno
MODIGLIANI
di e con Michele Crestacci

Il Centro artistico Il Grattacielo di via del Platano, 6, nell’ambito di “Amedeo Modigliani: Livorno, Parigi e ritorno” mette in scena domenica 30 marzo, con inizio alle ore 21.30, il monologo “Modigliani” di e con Michele Crestacci, drammaturgia e regia di Alessandro Brucioni, suoni di Alberto Battocchi. Produzione
mo-wan teatro
Centro Artistico Il Grattacielo – Armunia Festival Costa degli Etruschi.
Il monologo ha vinto il Premio Nino De Reliquis per il Teatro, la Danza e le Arti Performative 2008.
Amate Modigliani? Amate i suoi ritratti e i suoi nudi? Amate la sua pittura aristocratica e sensuale, la più inconfondibile della storia dell’arte? Amate la sua timidezza e la sua eleganza? In realtà cos’è che sappiamo di Modigliani? Era un maudit, un genio della sregolatezza che si è bruciato nella Parigi viziosa di Montmartre e Montparnasse? Un uomo introverso, in forzato esilio, sempre scontento di se stesso e della sua arte? Un uomo della provincia che ebbe la forza e il coraggio di essere fedele ai suoi più profondi e intensi bisogni e che conobbe e visse con i più importanti artisti del novecento?
Lo spettacolo racconta con uno stile comico la storia e le passioni di Modigliani, e ricostruisce un intenso e onirico ritratto dell’uomo, del pittore, del padre. Modigliani, in una irriverente, stralunata e comica spola tra Livorno e Parigi, è uno sguardo amaro sulla provincia che non riconobbe il suo genio. Una provincia solare e bella, drammaticamente conservatrice, ostile al rinnovamento e irragionevolmente orgogliosa delle proprie debolezze. Una provincia che attraverso la storia di Modigliani si racconta e racconta un uomo timido, la sua ironia, la sua generosità.
Michele Crestacci che ormai si è affermato come uno dei migliori interpreti di Amedeo Modigliani con i suoi monologhi che scavano nell’intimo di questo grande artista, mettendone in evidenza i rapporti con la sua città natale, luci ed ombre.
“Perché questo monologo ? Perché – risponde Michele Crestacci – ci consente di raccontare una storia commovente e drammatica. Perché Modigliani è stato un importante artista che la sua città in un certo senso ha esiliato. Abbiamo sentito il bisogno di esprimere il suo desiderio di crescita e la sua volontà di riscattarsi e riscattare una propria visione personale dell’arte e del vivere comune. Quando abbiamo scelto di metterlo su, avevamo anche chiaro che sarebbe stato divertente e che non avremmo risparmiato emozioni al pubblico. Anzi ci saremmo impegnati per restituire un ritratto suo che fosse anche nostro.”

Biglietti: 10 Euro intero; 8 Euro ridotto; 6 Euro soci Centro Artistico il Grattacielo e soci dell’Associazione Lavoratori Comunali.
Prenotazione e prevendita: Centro artistico Il Grattacielo – Livorno, via del Platano 6. – Tel. 0586 890093
E mail: segreteria@livornoteatro.it.

“Amedeo Modigliani: Livorno, Parigi e ritorno” è a cura dell’Associazione Lavoratori Comunali, della Cooperativa Amaranta Service, del Centro artistico Il Grattacielo, della Libreria Erasmo, con la partecipazione del musicista Andrea Pellegrini e dell’attore Michele Crestacci, e in collaborazione con il Comune di Livorno.
Ha partecipato alla realizzazione del progetto l’artista Enrico Bacci che ha realizzato l’immagine di Modigliani, logo dell’evento.