95 anni dalla scomparsa di Amedeo Modigliani

EVENTI SABATO 25 E DOMENICA 26 GENNAIO 2015

AutoritrattoIl 24 gennaio 1920 moriva a Parigi di tubercolosi, all’Hospital de la Charité, il grande artista Amedeo Modigliani. Moise Kisling e Ortiz de Zarate, suoi vicini di studio alla Grande Chaumiere, due giorni prima avevano avvertito l’amico Zborowski delle gravissime condizioni di salute di Modigliani che giaceva a letto nello studio gelato mentre la sua amata compagna Jeanne Hebuterne, seduta accanto, lo ritraeva. Così è descritta nelle numerose biografie la stanza dove viene trovato in coma Amedeo Modigliani: la stufa era spenta, la stanza gelida, sul pavimento latte vuote di sardine e bottiglie di vino. Il medico, che fu subito chiamato, ordinò il ricovero d’urgenza in ospedale: l’artista non si riebbe mai e due giorni dopo, spirò all’età di 36 anni. L’amico scultore Lipchitz che era presente in quei tristi momenti raccontò che mentre trasportavano all’ospedale Modigliani quest’ultimo continuava a ripetere “Italia, cara Italia!” e che negli ultimi momenti di coscienza lottò disperatamente per tenersi in vita, balbettando versi nel delirio.

Oggi i corpi di Modigliani e dell’amata Jeanne riposano sotto una stessa lastra nel cimitero di Père Lachaise, sulla quale sono incise, in italiano, queste parole: “Amedeo Modigliani, pittore. Nato a Livorno il 12 luglio1884, morto a Parigi il 24 gennaio 1920. Morte lo colse quando giunse alla gloria. Jeanne Hébuterne, nata a Parigi il 6 aprile 1898, morta a Parigi il 25 gennaio 1920. Compagna devota fino all’estremo sacrifizio”.
Sabato 24 gennaio 2015 a 95 anni dalla scomparsa di Amedeo Modigliani la Casa che ha visto i suoi natali dedica una giornata al ricordo con quattro visite guidate alle 10,30, alle 11,30, alle 16 e alle 17. Anche domenica 25 gennaio sono previste visite guidate alle 10,30, alle 11,30, alle 16 e alle 17. Costo delle visite 5,00 euro. La casa è situata in Via Roma, 38 a Livorno.Nell’occasione verranno proiettate delle fotografie appartenute alla famiglia Modigliani/Garsin, e verrà ricostruita la vita dell’Artista seguendo un percorso biografico all’interno delle sale della Casa. Il percorso si conclude con un omaggio reso al grande artista, da pittori contemporanei che hanno donato alla Casa Modigliani una serie delle loro opere ispirate alla figura e all’arte di Modigliani, tra loro ricordiamo Bruno Ceccobelli, Mario Madiai, Pietro Cascella, Renato Guttuso, Mimmo Rotella, Tano Festa. Per informazioni e prenotazioni telefonare al 320.8887044

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...